Bambini iperprotetti

Quando ho letto nei giornali i piani per l’apertura della scuola a settembre, il mio cuore è sprofondato.

Questa generazione, che per molti versi è già iper protetta, ora verrà mantenuta in una bolla sterile. Guanti, maschere, distanza sociale e in alcuni casi parlano di visiere e cabine in plexiglas … il tutto per evitare il contatto con un virus che, per quanto posso capire dalla lettura di articoli scientifici, è già cambiato considerevolmente ed è già diffuso ovunque. Siamo circondati da virus e batteri, e il modo per proteggere i nostri figli e noi stessi, nel caso ci fosse un altro focolaio di  corona virus, non è certo rimanere in una bolla sterile. 

Il modo in cui un virus (batteri o funghi) ci colpisce dipende dal terreno che trova, dalla salute generale in cui si trova il nostro corpo. È stato anche dimostrato più volte che se uccidiamo batteri “buoni” con antibiotici, prodotti antisettici e pulizia eccessiva, apriamo il nostro terreno corporeo ad altri organismi più forti e spesso più dannosi.


La maggior parte dei giardinieri sanno che quando pianti un albero giovane devi sostenerlo per i primi anni per consentire alle radici di prendere terreno e al tronco di rafforzarsi in modo che alla fine possa stare da solo. Se, tuttavia, tieni troppo stretto il supporto, le radici non prenderanno bene e se l’alberello non riuscirà a oscillare delicatamente nel vento mentre è sostenuto, il tronco non diventerà forte. Crescerà ancora e sembrerà forte, ma con radici deboli e un tronco debole, un forte vento nel futuro lo farà cadere facilmente. 

Questa analogia è vera per la maggior parte degli organismi in crescita. 

Il nostro sistema immunitario e i nostri corpi devono essere sfidati delicatamente durante la crescita, ecco a cosa servono le malattie infantili… 

I bambini hanno bisogno di giocare nella terra! Devono bagnarsi e sentire il vento sulle loro guance! 

Ciò non significa che non dovremmo insegnare ai nostri figli a lavarsi le mani ed evitare di mettersi le dita in bocca. Insegnammo loro a condividere giocattoli ma non tazze e posate. 

Soprattutto insegnate loro a rispettare i loro corpi … Se avete la febbre non dovete prendere un paracetamolo ed andare comunque al cinema come magari avevate programmato – come sostengono alcune pubblicità invernali. 

La febbre è la prima linea di difesa del tuo corpo. Non è la causa della malattia, è il tuo corpo che fa quello che dovrebbe fare. Quindi insegna ai tuoi figli che se hanno la febbre ciò che devono fare è riposare tranquilli a casa e bere molti liquidi. 

Sì, è fastidioso che tu non possa uscire o andare alla festa, ma questa è la vita. Questo vale anche per gli adulti: quanti adulti ignorano il mal di testa o la febbre, prendendo una pillola e andando avanti con i loro programmi? 

Questo sarà un problema poiché molti genitori sono abituati a mandare i loro figli a scuola quando non stanno del tutto bene, in parte per necessità in quanto non possono stare a casa dal lavoro – ma è qui che possiamo fare una grande differenza nella diffusione delle malattie, rimanendo a casa quando non si sta bene.

Per quanto riguarda il “terreno”, sempre più articoli stanno dimostrando che la principale disfunzione degenerativa già esistente nelle persone che sono cadute vittime di Covid-19 è l’insulino-resistenza.

La resistenza all’insulina si ha quando nonostante i livelli alti di insulina i nostri tessuti diventano insensibili alla sua azione. Questo condizione è un precursore del diabete di tipo 2. 

La resistenza all’insulina si trova più spesso nelle persone obese ma può anche essere trovata in individui magri apparentemente sani. Investigherò più a fondo nel prossimo articolo.

Per ora seguiamo i consigli della mia nonna: esci fuori a giocare a prescindere dal tempo, ma lavati le mani quando entri e prima di sederti a mangiare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *